Buon anno scolastico!

Che dire! Mentre provo a buttare giù qualche riga per scrivere questo articolo, mi passano davanti agli occhi, e soprattutto al cuore, tutti e cinque gli anni che ho trascorso a Villa Sora, da quando avevo 13 anni fino ai 18 appena compiuti. Sono cresciuta in questa scuola, sono diventata la ragazza di oggi grazie principalmente all’ambiente di Villa Sora. Era la mia quotidianità frequentarlo…ripenso con un misto di tristezza e gioia alle mie giornate tipiche, quelle che tutti gli alunni potranno sentire come proprie: arrivavo davanti al cancello dopo aver fatto colazione al bar di fronte, salivo la rampa, salutavo don Gabriele e Raffaele, passavo poi alle scale pensando alla fatica con lo zaino in spalla, alla paura della prima ora e alla voglia di pizzetta che avrei preso alle lontane 11, l’ora della ricreazione. Poi entravo in classe già con mille preoccupazioni e chiacchieravo con i miei compagni. Loro sono la quotidianità che mi mancherà di più. Mi davano conforto, risate, comprensione, amicizia. Ero abituata a vederli tutti i giorni e pensare che non sarà più così mi mette un po’ di malinconia.

Anche se la vita offre sempre novità e cambiamenti, guardare al passato non fa mai male se lo si ricorda con piacere . A Villa Sora lascio tante emozioni, sia belle che non, ma sicuramente indelebili. Per colpa del virus non sono riuscita a godermi gli ultimi giorni in classe, perché è successo tutto all’improvviso senza consapevolezza che quel 4 marzo 2020 sarebbe stato il mio ultimo
giorno di scuola. Proprio perché non ho potuto vivere tutti quegli istanti , il mio augurio agli studenti è quello di sfruttare ogni giorno, ogni angolo della scuola, ogni opportunità che offre. Carpe diem dico allora!

La vita riserva sempre tante sorprese e non bisogna mai dare nulla per scontato, neanche l’interrogazione in prima ora, perché mancherà anche quella quando finirà il liceo. Cercate di rendere vostro ogni istante che passate a scuola, vivendolo con gioia e spensieratezza. Sì, sembrerà difficile a volte, soprattutto quando le ore infinite non passeranno mai.

Ma non importa perché bisogna ricordarsi, del resto, che questi sono i migliori anni della nostra vita!

Buon anno scolastico, dall’ex-alunna Sara Evangelista.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.