American midterm elections: “elezioni di gradimento” nella media

Immaginate di essere a capo di una grande barca e che vi remassero contro. Cosa succederebbe? Beh è ovvio! L’imbarcazione non andrebbe da nessuna parte o al massimo andrebbe dalla parte opposta a quella che si vuole. Ecco questo è il rischio che ogni presidente Americano rischia durante le elezioni di midterm: guidare un Paese con il congresso contrario. Ma vediamo il perché…

In Molti paesi occidentali il Presidente della Repubblica non simboleggia alcun partito politico (per intenderci la sinistra e la destra, il progressismo e il conservatorismo). L’America, invece, si contraddistingue. Infatti, il Presidente Americano è colui che rispetta le maggioranze dei partiti al momento delle elezioni ogni 4 anni. Il rischio, però, arriva a metà della fine del suo mandato, quando il Presidente in carica deve sostenere una sottospecie di elezione di gradimento: l’elezione di midterm.

I partiti maggioritari in America che solitamente vanno alla casa bianca sono due (anche se possono proporsi anche partiti indipendenti):

  • Repubblicano: è il partito più conservatore. Un esempio di Presidente repubblicano è Donald Trump.
  • Democratico: è il partito più progressista. Un esempio di Presidente democratico è Joe Biden.

La particolarità di questi partiti è che nonostante sembrino simili rispettivamente alla destra e sinistra Europea (o Italiana) non solo si battono per ideali diversi (collegati alla loro storia: non hanno avuto correnti socialiste, né la chiesa ha mai avuto influenze di potere temporale), ma su alcuni ideali conservatori o progressisti possono essere molto più estremisti delle politiche Europee.

Ma in particolare cosa rischia il Presidente al Congresso?

Il congresso Americano è formato da due Camere:

  • La Camera dei Rappresentanti o “camera bassa” composta da 475 seggi.
  • Il senato o “camera alta” composto da 100 seggi.

Durante le elezioni di midterm sono in ballo: tutti i seggi della camera bassa del congresso e ⅓ della camera alta. Ovvero 475 seggi alla camera dei rappresentanti e 35/100 in senato. Il presidente che sia democratico o repubblicano rischia 4 possibili scenari. Prendiamo ad esempio il midterm dell’attuale presidente, Biden potrebbe:

  1. Avere la maggioranza sia Camera dei Rappresentanti sia Senato (entrambe democratiche).
  2. La minoranza al Senato e la maggioranza solo nella Camera dei Rappresentanti (maggioranza democratica nella camera bassa e minoranza nella camera alta).
  3. Potrebbe avere dalla propria parte solo il Senato (maggioranza democratica nella camera alta e maggioranza repubblicana nella camera bassa).
  4. Potrebbe avere contro tutto il congresso ed avere contro sia il Senato sia la Camera dei Rappresentanti.

Com’è andata quest’anno per i due partiti?

Il Senato quasi in parità è stata una vittoria per i democratici che hanno guadagnato la maggioranza nello stato della Pennsylvania. (La Pennsylvania prima era repubblicana).

La camera dei Rappresentanti invece è stata una sconfitta con 220/435 ai Repubblicani.

Per Biden deve considerarsi una vittoria dal momento che è capitato a molti dei sui predecessori di perdere la maggioranza in entrambe le camere.

Restate collegati per futuri aggiornamenti in merito.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.