La prima indagine di Montalbano-Andrea Camilleri

La prima indagine di Montalbano è un giallo scritto da Andrea Camilleri e pubblicato nel 2004 dalla casa editrice Arnoldo Mondadori Editore: il primo Montalbano del grande genio che è Andrea Camilleri.

Andrea Camilleri, nato a Porto Empedocle nel 1925, è uno scrittore, sceneggiatore e regista italiano. Tra le tante opere che ha scritto troviamo Il corso delle cose, Un filo di fumo e altre storie del commissario Salvo Montalbano.

Il libro tratta della prima indagine di Montalbano, un semplice vice commissario trentenne che nel 1985 che vive a Mascalippa, un paese disperso tra i monti Erei, e sogna di essere trasferito in un paese di mare. Viene finalmente promosso e trasferito a Vigata, una città di mare che lui già conosce poiché luogo della sua infanzia. Mentre si trova al tribunale di Vigata è incuriosito da una ragazza per i suoi modi di fare impauriti e spaesati. Montalbano la incontra di nuovo più tardi nel pullman di ritorno e alla fermata decide di seguirla e scopre che ha una pistola nella borsa, quindi la ferma e la porta al commissariato. La ragazza, dopo varie esitazioni, confessa di essere stata incaricata dal suo amante, Cusumano, nipote del potente capomafia locale, di uccidere il giudice di Montelusa, Rosato, che non ha però avuto mai niente a che fare con i mafiosi.

Emerge la grande genialità dell’autore nel costruire un’indagine articolata in cui il commissario Montalbano si trova a dover utilizzare il suo acuto ingegno e a dover compiere scelte, particolari ragionamenti e deduzioni, per arrivare a conoscere la verità senza badare troppo alle regole ed essendo incline a violarle pur di assicurare alla giustizia i colpevoli del reato commesso.

In questo romanzo si possono notare le varie caratteristiche del genere giallo, in particolare il giallo di investigazione, cioè un racconto poliziesco in cui un investigatore, in questo caso Montalbano, indaga su un crimine e con logica e intuito va alla ricerca del colpevole e del suo movente per assicurarlo alla giustizia.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.